Forse non tutti sanno che… [2]

Si possono leggere le guide turistiche di tutte le località in cui si intende fare scalo senza comprarne nemmeno una. Come? Prendendole in prestito in Biblioteca!

Quando prenoto un viaggio la prima cosa che faccio è andare in libreria e comprare una guida turistica del luogo che andrò a visitare, sia che si tratti di una capitale europea, sia che si tratti di una regione o di una nazione straniera. Leggo la guida per intero, sottolineando i punti che mi sembrano maggiormente interessanti e contestualmente pianifico un itinerario per il mio viaggio. Quando prenoto una crociera invece l’itinerario non lo decido io giorno per giorno, bensì è già ben stabilito e spesso è proprio il motivo per cui ho prenotato la crociera stessa. In genere in una crociera di una settimana si visitano almeno 4/5 porti diversi, spesso situati in nazioni diverse, pertanto non è possibile comprare una sola guida turistica e a me è sempre sembrato uno spreco comprare 4/5 guide diverse che mi sarebbero servite ciascuna per non più di un giorno. In passato mi sono sempre organizzata con il materiale trovato online oppure con qualche guida che già avevo in casa, magari vecchia di anni. Più di recente ho scaricato anche delle applicazioni sul cellulare, magari che funzionassero offline, ma l’impiego delle risorse online e delle app per me non potrà mai sostituire una buona guida turistica.

La mia prossima crociera, già prenotata, sarà il giro delle Capitali Baltiche con MSC Preziosa in partenza da Kiel il 5 maggio. L’itinerario prevede scali a Copenhagen, Stoccolma, Tallin e San Pietroburgo, quattro città che si preannunciano meravigliose e per la cui visita non voglio farmi trovare impreparata. Non voglio assolutamente sprecare questa occasione per visitarle e quindi per prepararmi bene alla prossima crociera cosa ho fatto? Oltre alle solite ricerche online ho preso in prestito dalla Biblioteca Comunale della mia città le guide turistiche delle località che andrò a visitare, così da poter scegliere in maniera più accurata su cosa concentrare la mia attenzione durante le escursioni. Presso le biblioteche pubbliche sono infatti disponibili, sia per la consultazione che per il prestito, le guide turistiche di molte località italiane e straniere. Io ho preso in prestito la guida di Copenhagen, la guida di Stoccolma, la guida dei Paesi Baltici e la guida di San Pietroburgo. La mia intenzione è di leggerle accuratamente così da poter selezionare le cose da vedere durante le mie escursioni e in seguito fotocopiare solo le parti che davvero mi interessano, così da viaggiare leggera.

Cosa (non) mettere in valigia

Alla prima crociera la tentazione è di portare con sè mezza casa, ma cosa si deve mettere davvero nella valigia per una crociera? E soprattutto, cosa possiamo lasciare tranquillamente a casa?

Spesso, indipendentemente dal tipo di viaggio che si va a intraprendere, uno dei momenti più difficili da affrontare è quello della preparazione della valigia. Se si è donna il livello di difficoltà aumenta. Per questo motivo vorrei affrontare la questione da un altro punto di vista, quindi non tanto “Cosa metto in valigia?” bensì “Cosa non ho bisogno di mettere in valigia?”.

La cabina di una nave da crociera è ben equipaggiata: non c’è bisogno di portare con sé l’asciugacapelli, lo si trova in bagno (se la nave è un po’ più datata) oppure nel cassetto della specchiera in cabina. Allo stesso modo non c’è bisogno di portare teli mare/piscina: all’interno dell’armadio della cabina si trova un telo mare per ciascun occupante (se non ci fosse basterà chiederlo al cabinista il giorno dell’imbarco). I teli si possono portare sia in piscina che eventualmente a terra durante le escursioni (basta ricordarsi di riportarli a bordo, altrimenti verranno addebitati a fine crociera). Ogni volta che si usano basterà lasciarli nel lavandino del bagno per farseli sostituire. Se andate in SPA non è necessario portare con sé un accappatoio: nello spogliatoio sono disponibili grandi teli in abbondanza (io in genere ne prendo sempre un paio, uno per stendermici sopra e uno per asciugarmi). All’interno della doccia (sia quella della cabina sia quella dello spogliatoio della SPA) si trovano i dispenser di bagnoschiuma e shampoo, mentre vicino al lavabo si trova il sapone liquido per le mani. Invece gli altri prodotti per l’igiene personale (dentifricio, struccante, deodorante, balsamo per capelli, etc.) vanno messi in valigia! All’interno della doccia della cabina, inoltre, è presente un  pratico filo per stendere i panni, molto utile per far asciugare i costumi da bagno (personalmente sconsiglio di stenderli in terrazzo).
Almeno per quanto riguarda le crociere in Europa non c’è bisogno di portare adattatori di corrente, tuttavia potrebbe tornare utile un caricabatterie da muro con più prese USB tipo questo per poter caricare contemporaneamente più smartphone e magari un tablet, utilizzando una sola presa di corrente.

Passiamo ora invece ai suggerimenti su cosa mettere in valigia: innanzitutto qualche medicinale di base (analgesici, antinfiammatori, antipiretici). Qualora temiate di poter soffrire il mal di mare potete munirvi di polsini anti-nausea: non essendo farmaci potrete indossarli sempre senza rischiare effetti indesiderati. In caso di mare molto mosso sappiate che in reception potete richiedere gratuitamente in qualunque momento una pastiglia per il mal di mare (“sea sickness medicine” se in reception non trovate qualcuno che parli italiano 😉 ). Medicinali di base si possono trovare anche a bordo (in genere nel duty-free) e in ogni porto di scalo, quindi non è necessario saccheggiare la farmacia prima di partire. Potrebbe tornare utile invece portare con sè il termometro: a bordo solo il medico può misurarvi la temperatura, ma la visita del medico è a pagamento quindi il mio consiglio è di mettere in valigia il termometro.
Per me non solo in crociera ma durante qualsiasi viaggio è importante avere con sé alcuni articoli fondamentali:  un ombrellino pieghevole il più piccolo possibile (io ho questo) così che possa stare anche in una normale borsa da donna; un giaccone con cappuccio con interno staccabile in modo da poterlo modulare nel caso in cui si viaggi in zone climatiche diverse; un paio di occhiali scuri e un cappellino per ripararsi dal sole oppure guanti e berretta per ripararsi dal freddo; scarpe comode, leggere e resistenti alla pioggia per le escursioni; un foulard o una pashmina o una sciarpa leggera per proteggere il collo dall’aria condizionata in nave (indipendentemente dalla stagione e dalla latitudine). Dal mio punto di vista è importante avere con sè un orologio che ci consenta di tenere sempre sotto controllo l’orario, visto che sia in nave sia a terra i ritmi della crociera sono piuttosto serrati. Io ho optato per questo fitness tracker, perchè mi piace la funzione “contapassi”: una crociera a volte può avvicinarsi molto a una maratona!
Se intendete andare in piscina o in SPA occorrono ovviamente costumi e ciabattine; allo stesso modo se intendete andare in palestra occorre l’abbigliamento adatto, comprese le scarpe da ginnastica. Io ho sempre messo in valigia tuta e scarpe da ginnastica ma le ho sempre riportate a casa intonse 😀
Per le serate occorreranno un paio di abiti eleganti (per gli uomini è consigliabile una giacca) per le serate di gala e qualcosa di meno formale per le altre sere. Io in genere porto con me una borsetta piccola, appositamente per andare a teatro e a cena, mentre per uscire in escursione o stare in nave preferisco una borsa capiente e organizzata come questa oltre a un piccolo zainetto. Per le escursioni in genere è buona norma vestirsi a strati, ma ovviamente dipende anche da dove siete: se siete in Marocco o in Grecia in piena estate probabilmente non vi serviranno felpe e maglioni ma solo abiti leggeri e protezione solare.

Il consiglio generale è di utilizzare il buon senso nel preparare la valigia, ricordando che la nave ogni giorno o quasi attracca in un porto dove si possono acquistare i prodotti eventualmente dimenticati a casa e quando non è ferma in porto sono aperti i negozi di bordo dove si possono trovare molti articoli utili. Su una nave ci sono migliaia di persone: ci sarà sicuramente qualcuno vestito più elegante e qualcuno vestito meno elegante, ma un viaggio non è un concorso di bellezza, siate voi stessi, nei vostri panni, e apparirete al meglio.